Dead Space Wiki
Advertisement
CMS Crozier
CMS Crozier
Classe: Nave da trasporto
Proprietario/a: Forze Armate delle Colonie Sovrane
Ordinata: -
Ritiro: 24° secolo
Distrutta: 2514
Primo avvistamento: 2311
Ultimo avvistamento: 2311
Lunghezza: 200-300 m
Larghezza: -
Propulsione: Combustione (certa)
Equipaggio: 4


Ruolo: Trasporto personale ed attrezzature
Armamento: Cannone
Affiliazione: Colonie Sovrane
Membri dell'equipaggio noti: LCDR Busby
LT Metcalfe
Comandanti conosciuti: Wade Hoshi
Isaac Clarke


La CMS Crozier era una navetta da trasporto destinata alla demolizione che il team di Ellie Langford trovò mentre erano a bordo della CMS Roanoke. La Crozier fu assegnata, insieme ad navi da guerra delle Colonie Sovrane, al pianeta ghiacciato Tau Volantis.

Storia[]

Dead Space 3[]

La Crozier era una navetta utilizzata dall'equipaggio della CMS Terra Nova durante la spedizione a Tau Volantis nel 2311. Qualche tempo prima o durante l'epidemia dei Necromorfi, la navetta era stata messa in disarmo. Nel 2514, quando Ellie Langford e gli altri la trovarono a bordo della Terra Nova, scoprirono che aveva un disperato bisogno di riparazioni prima che potesse portarli sulla superficie del pianeta senza ucciderli.

Isaac viaggiò verso la Terra Nova a bordo dello Skip, una piccola navetta monoposto che lo trasportò tra le navi della flottiglia. Quando raggiunse la Terra Nova, si diresse alla stazione del tram per raggiungere la sezione di poppa della nave dove si trovava la navetta. All'arrivo, Isaac eseguì diversi lavori per lanciare la navetta: costruire un relè remoto e posizionarlo sullo scafo della navetta per trasportarla fino alla Roanoke per le riparazioni, rifornire la navetta dal piano superiore prima di lanciarla e sganciare l'ugello del carburante.

Mentre l'ugello del carburante veniva rimosso, Ellie attivò erroneamente la sequenza di lancio, facendo esplodere l'intero hangar di riparazione. Ellie scoprì che gli ingranaggi delle porte dell'hangar erano bloccati, e quindi Isaac si diresse verso di essi per pulirli.

Quando arrivò lì, procedette ad eliminare gli ostacoli con una torretta militare, insieme a un'ondata di necromorfi. Quando la navetta decollò, Isaac fu scaraventato nel vuoto fuori dalla Terra Nova, costringendolo a tornare in una zona sicura dell'enorme nave.

Prima che Isaac potesse tornare alla Roanoke, incontrò la squadra presso la successiva nave alla deriva, la CMS Greely, per recuperare un motore per la Crozier. Dopo aver riportato il motore, Isaac dovette individuare una serie di satelliti abbandonati e salvare i loro relè per creare un modulo di volo sicuro per la nave. Dopo l'installazione del modulo, Isaac installò e bloccò tre iniettori di ossigeno nella parte posteriore della navetta. Successivamente, la navetta fu completamente pronta per il lancio.

Interno della Crozier

La cabina di pilotaggio della Crozier.

Distruzione[]

Dopo il lancio dalla Roanoke, Isaac pilotò la Crozier sulla rotta di volo tracciata verso la superficie del pianeta. A metà del volo, la navetta incontrò mine e detriti mentre cadevano nell'atmosfera.

Isaac si rese conto che la navetta avrebbe perso la sua finestra di ingresso attraverso l'atmosfera e chiese loro di cambiare rotta. Prima anche solo di provarci, il Crozier fu colpito da più detriti e lo scafo si ruppe, risucchiando Locke. La navetta continuò a spezzarsi mentre il computer li avvisava del guasto ai motori e al sistema di supporto vitale.

Isaac resettò tutti e tre gli iniettori di ossigeno, spegnendo un piccolo incendio in cabina. Mentre risaliva verso il sedile del pilota, Mark Rosen fu ucciso quando i detriti penetrarono nell'abitacolo, tagliandogli la testa. Isaac perseverò, facendo volare la nave nonostante la visione ostruita e le vette di ghiaccio, senza alcun risultato. Dopo aver colpito un picco ghiacciato, Ellie e gli altri rimasero separati da Isaac quando la nave si divise a metà.

Design[]

Simbolo CMS Crozier

La navetta era a fondo piatto e aveva due grandi pinne che sporgevano dai lati di babordo e tribordo per poter manovrare. Terminava con un muso opaco nella parte anteriore come gli shuttle della NASA, solo più ampio.

I pannelli dello scafo si spingevano fino a poppa, dove erano posizionati i tre grandi motori che sporgevano dalla parte posteriore. La navetta aveva un portello esterno che si poteva muovere con la Cinesi e un portello interno. All'interno, la Crozier aveva tre iniettori di ossigeno nella parte posteriore e una serie completa di sedili nella cabina di pilotaggio. Naturalmente c'era la postazione del pilota sulla sinistra come quella del copilota sulla destra, quella del navigatore dietro di esse e intorno i sedili per l'equipaggio.

Armamento[]

La navetta per entrambi gli scopi di attacco e difesa era dotata di una grande postazione per l'artigliere sul lato superiore. Veniva utilizzata per sparare colpi esplosivi pesanti alle mine in arrivo sulla rotta di volo per Tau Volantis.

Curiosità[]

  • Questa è stata la prima navetta su cui il giocatore ha avuto il pieno controllo in una partita di Dead Space.
  • Ci sono tre luci che fungono da indicatori per l'integrità dello scafo per mostrare i danni subiti dalla Crozier durante la discesa sul pianeta. Queste luci si ripristinano se il giocatore riavvia da un punto di controllo dopo che la navetta viene rimossa.
  • La maggior parte degli altri veicoli spaziali in orbita attorno a Tau Volantis prende il nome da alcune spedizioni note per essere finite in tragedia. Questa nave in particolare prende il nome da Francis Crozier, comandante della Terror, che sopravvisse a 6 spedizioni antartiche per poi morire durante la fallimentare spedizione di sir John Franklin nel Nord Ovest nel 1848.
  • I registri audio descrivono in dettaglio la storia della Crozier: essi indicano che la nave non non fu mai in condizioni considerevolmente funzionali nemmeno durante la spedizione iniziale di Tau Volantis da parte della SCAF, e che passò la maggior parte del tempo in disuso. Data l'importanza della spedizione delle Colonie Sovrane sul pianeta ghiacciato è possibile che le alte sfere avessero mandato tutte le navi disponibili, comprese quelle ormai in disarmo. Nel caso della Crozier, tuttavia, ne avevano sopravvalutato l'integrità.

Vedi anche[]

Advertisement