Dead Space Wiki
Advertisement
CMS Shackleton
Frammento della CMS Shackleton
Classe: Nave da guerra
Proprietario/a: Forze Armate delle Colonie Sovrane
Ordinata: -
Ritiro: -
Distrutta: 2314
Primo avvistamento: {{{primavista}}}
Ultimo avvistamento: {{{ultimavista}}}
Lunghezza: -
Larghezza: -
Propulsione: Unità Shockpoint
Equipaggio: -


Ruolo: {{{ruolo}}}
Armamento: Sconosciuto
Affiliazione: Colonie Sovrane
Membri dell'equipaggio noti: {{{membri}}}
Comandanti conosciuti: Sconosciuto


La CMS Shackleton era una nave della flottiglia delle Colonie Sovrane inviata su Tau Volantis.

Descrizione[]

La CMS Shackleton venne inviata su Tau Volantis insieme a diverse altre navi delle Colonie Sovrane. Una volta lì è probabile che per la maggior parte del tempo abbia sostenuto le operazioni a terra. Andò probabilmente distrutta insieme con la maggior parte della flottiglia durante lo Scenario Cinque.

La Shackleton è tecnicamente la prima nave incontrata nel gioco, anche se l'unico pezzo visibile è la sezione del fasciame, che può essere visto solo dopo che l'USM Eudora entra nella fase di de-shock in prossimità di Tau Volantis. La classificazione della nave è sconosciuta, ma era probabilmente una nave da guerra armata di mine a ricerca. Prima di espellere la capsula di salvataggio dall'Eudora, Isaac Clarke perde la presa dal vano e deve farsi strada tra i tanti resti della nave per raggiungere l'equipaggio del capitano Norton.

Più avanti nella storia, il giocatore ha la possibilità esplorare le navi che componevano della flotta, ma la Shackleton non compare nemmeno sulla guida di navigazione dell'SK-1P, probabilmente a causa degli elevati danni ricevuti che la distrussero completamente.

Curiosità[]

  • Il nome della nave segue il tema di molte altre navi della flotta, la maggior parte delle quali prendono il nome normalmente da esploratori incappati in eventi sfortunati, in questo caso, il famoso esploratore anglo-irlandese Ernest Shackleton, morto per un attacco di cuore poco prima della sua spedizione al Circolo Polare Artico nel 1922.
  • La maggior parte dei suoi resti non sono nemmeno raggiungibili in volo, facendo parte dello sfondo sono o perchè troppi per essere raggiunti con la propria riserva di ossigeno, e comunque sarebbe improbabile che contengano elementi importanti.
Advertisement