Dead Space Wiki
Advertisement
Nickolas Kuttner
Nikolas Kuttner
Luogo di Nascita: Stazione Titan
Data di Nascita: 2468
Data della Morte: 2508
Sesso: Maschio
Capelli: Calvo
Occhi: Marroni
Equipaggiamento: RIG
Dispositivo simile a una torcia mineraria
Pistola Divet
Affiliazione: Forza di Difesa Terrestre (precedentemente)
Concordance Extraction Corporation (temporaneamente)
Doppiatore: Christopher Judge


Nickolas Kuttner era un ex marine, probabilmente della Forza di Difesa Terrestre, impiegato nella USG O'Bannon come ufficiale della sicurezza.

Biografia[]

Circa una settimana prima dell'arrivo ad Aegis VII, la nave raccolse diversi ingegneri e tecnici per una missione sconosciuta. Mentre Kuttner fissava una foto raffigurante sè stesso con sua figlia Vivian, Nolan Stross disse che gli occhi di suo figlio avevano lo stesso colore di quelli della bambina. La dottoressa Isabel Cho consigliò a Stross di non parlare di lei, in quanto era morta in un incidente sulla Stazione Titan poche settimane prima. Il capitano Campbell arrivò poco dopo e riferì loro della missione da compiere.

Eventi su Aegis VII[]

Il pianeta fu danneggiato a causa delle azioni di un ingegnere di nome Clarke (durante gli eventi di Dead Space), divenendo altamente instabile. La missione delle varie squadre a bordo della nave era quella di installare diversi stabilizzatori gravitazionali per stabilizzare il pianeta in posizioni specifiche e tenerlo insieme. Inoltre, dovevano raccogliere tutti i frammenti rimasti del Marchio Rosso, distrutto dall'impatto del pezzo di pianeta sulla colonia mineraria. Ogni frammento pesava un chilo e valeva due milioni di crediti ciascuno. A questa offerta nessuna squadra avrebbe mai rinunciato.

Su Aegis VII, Kuttner trovò un frammento del Marchio e lo raccolse. Cominciò immediatamente a provare allucinazioni del Marchio originale, ancora intatto, sussurri e sua figlia, Vivian. Sua figlia gli chiese perché non l'avesse messa al sicuro prima di essere colpita da qualcosa. La sua testa si girò innaturalmente, tanta era la forza con la quale era stata "colpita". Kuttner implorò le visioni di fermarsi, dicendo "non ancora" (non intendeva rivivere il calvario dei giorni precedenti). Si svegliò dalla visione con qualcuno che cercava di contattarlo. Sulla strada per lo stabilizzatore, Vivian apparve di nuovo, dicendogli che le mancava. Kuttner le rispose che anche lei gli mancava, prima che apparisse un'ombra. Uccise nuovamente sua figlia, spruzzando sangue contro Kuttner, ma questa era solo un'altra allucinazione. Isabel lo contattò, lamentandosi del fatto che tutto ciò che avevano sentito era dello statico. Kuttner iniziò a vedere i suoi compagni come creature oscure e vide di nuovo Vivian, trascinata nella torre dagli altri mostri. Le corse dietro, urlando il suo nome. All'interno dello stabilizzatore, gli ingegneri guidati da Alejandro Borges stavano tentando di stabilizzare il pianeta, ma Kuttner scambiò anche loro per mostri. Uno teneva in braccio sua figlia. Li attaccò prontamente, ferendo gli altri e uccidendo il cugino di Borges, Noah Pawling. Quindi aggredì quello che reggeva Vivian, in realtà il pannello di controllo dello stabilizzatore. Il danno causato destabilizzò l'intero pianeta. Borges stordì Kuttner con il suo braccio meccanico protesico. Più tardi, l'equipaggio trattenne Kuttner sulla nave.

A bordo della USG O'Bannon[]

Non mostrò alcun segno di guarigione, poiché fu interrogato più tardi nel laboratorio medico su ciò che accadde. Disse continuamente che sua figlia era fuori a giocare. Quando i Necromorfi, frutto di un esperimento di Stross, manipolato dal frammento del Marchio, invasero la nave, rilasciati accidentalmente da Stross, Isabel rilasciò Kuttner e gli permise di aiutarli. Si servì di un dispositivo medico simile alla torcia mineraria di Dead Space: La Forza Oscura ed uccise un Necromorfo dividendolo a metà. Nel mezzo di uno scontro a fuoco con gli ostili mutanti, Kuttner vide di nuovo Vivian. L'allucinazione condusse lui e gli altri sopravvissuti verso un condotto di ventilazione, dove le creature non potevano seguirli.

Vivian disse a Kuttner di scendere per un altro condotto. In fondo, incontrò Borges che voleva vendicarsi per la morte di suo cugino. Kuttner insistette sul fatto che voleva solo assicurarsi che sua figlia stesse bene, ma Borges, stufo marcio dell'evidente pazzia dell'ex marine, urlò che sua figlia era morta, proprio come suo cugino. Kuttner rassicurò l'allucinazione di Vivian che Borges era solo spaventato.

Più tardi, Kuttner tentò di distruggere il frammento del Marchio sparandogli, ma non riuscì nemmeno a scalfirlo. Stross gli assicurò che l'unico modo per distruggere il frammento era di gettarlo nel nocciolo del reattore. Lungo la strada, i Necromorfi attaccarono di nuovo. Un asteroide danneggiò lo scafo della nave, aprendo una grossa breccia che risucchiò nel vuoto parecchi Necromorfi e il tenente Marcus. Kuttner fu salvato da Borges, che mise da parte la rabbia per la morte del cugino. Durante l'ultima resistenza sulla O'Bannon, i sopravvissuti riuscirono a distruggere il frammento e, allo stesso tempo, i Necromorfi a bordo. Tuttavia, i loro problemi erano tutt'altro che finiti.

Giunse una squadra di soccorso della USM Abraxis, trovando il gruppo nella sala macchine dove si trovavano da quando le creature erano state distrutte. Kuttner, ancora folle dal suo contatto con il frammento, giurò che non avrebbero fatto del male a Vivian e aprì il fuoco, uccidendo uno dei Marines. I soldati usarono i taser per mettere fuori combattimento i sopravvissuti e li portarono a bordo della loro nave. Poco dopo la stessa O'Bannon venne distrutta.

Conseguenze[]

A bordo, Kuttner parlò incessantemente a sua figlia come se fosse viva. Fu interrogato usando una macchina che utilizzava i recettori della paura nel suo cervello per torturarlo. Sfruttando la sua pirofobia, Kuttner fu costretto a parlare. Dopo aver raccontato la sua storia, il capo interrogatore fu molto contento di avere qualcuno che era entrato in contatto diretto con il frammento. Tuttavia, Kuttner si liberò e uccise le guardie con una pistola rubata, a seguito dell'allucinazione di Vivian lungo i vasti corridoi dell'Abraxis.

Uccidendo diversi marine e rimasto ferito a morte lui stesso, pregò Vivian di aspettarlo. La guardò fluttuare fuori da un oblò della nave chiedendogli di uscire, dal momento che i cattivi stavano arrivando per portarlo via da lei. Gli disse che se fosse venuto da lei, sarebbero stati insieme "sempre e per sempre". I Marines gli corsero incontro, riuscendo a malapena a raggiungerlo prima che aprisse la porta della camera stagna scaraventando tutti nello spazio. Mentre galleggiava, Vivian fluttuò verso di lui. L'abbracciò, dicendo "Sempre e per sempre". Il suo cadavere galleggiò via, sorridendo, essendosi finalmente riunito nella morte con la sua amata figlia.

Curiosità[]

  • Nickolas Kuttner è doppiato da Christopher Judge, uno dei protagonisti principali della serie TV Stargate SG-1.
  • Condivide alcune caratteristiche con Alissa Vincent, la protagonista principale di Dead Space: La Forza Oscura; entrambi sono agenti della sicurezza, usano una pistola Divet, entrano in contatto con il Marchio e soffrono di allucinazioni (Vivian nel caso di Kuttner, Ramirez con Alissa), ed entrambi muoiono nello stesso modo (risucchiati nello spazio e uccisi dalla mancanza d'aria/gelo spaziale, con la canzoncina "Twinkle Twinkle Little Star" in sottofondo) ed appaiono solo in un film.
  • Il frammento del Marchio trovato su Aegis VII aveva il simbolo "E" secondo l'alfabeto Unitologista.

Galleria[]

Advertisement